Il comportamento del bugiardo

La menzogna molto spesso è svelata dal comportamento che adotta il bugiardo. Un errore dato da alcuni indizi rivelatori, può svelare la verità.

Gli indizi rivelatori sono dati dal linguaggio non verbale, dal paraverbale (l’uso della voce: tono, volume, ritmo), dai lapsus del bugiardo, senza di essi possiamo cadere facilmente nel tranello degli indizi di falso.

Quando abbiamo a che fare con indizi di falso dobbiamo cercare di ottenere più indizi espliciti, più informazioni per sapere se il nostro interlocutore sta mentendo o meno. Esistono vari modi di mentire: possiamo mentire e dire allo stesso tempo la verità, magari in modo esagerato o umoristico.

Possiamo cercare di sviare i sospetti, cioè ammettere un’emozione, ma indicare una causa falsa, oppure possiamo usare la dissimulazione a metà, ammettendo solo mezze verità, comunque, in ogni caso, non possiamo impedire ai nostri comportamenti di tradirci, sia a livello di pensiero, che a livello di indizi di falso.

A livello di pensiero, possiamo renderci conto che:

• Non abbiamo tempo a disposizione per imparare a memoria una strategia o una parte da recitare.

• Non possiamo prevedere le domande che ci vengono rivolte (anche se abbiamo preparato una strategia).

• Non ricordiamo quanto appena detto, cadendo in contraddizione davanti a nuove domande.

A livello emozionale può capitare che:

• Se cerchiamo di nascondere un’emozione ci tradiranno le parole, oppure lapsus verbali o gestuali. Anche se può essere difficile che ciò accada, è invece facile tradirsi a livello di comunicazione non verbale.

• Per non esser scoperti, nascondiamo le nostre emozioni, dichiarando il falso.

Linguaggio del corpo

 

 Le emozioni da mascherare sono essenzialmente di tre tipi:

• Paura di esser scoperti

• Senso di colpa

• Soddisfazione per aver beffato qualcuno

Per quanto riguarda la paura di esser scoperti, possiamo notare che essa può esser di forma alta o anche bassa, dipende molto dalla posta in gioco (la quale più è alta, più è intensa l’emozione che si prova) e dalle ricompense e punizioni.

La stessa “pratica” nel mentire (cioè il dire spesso bugie e farla franca), riduce la paura di esser scoperti, aumentando la fiducia in se stessi.

Una credenza abbastanza comune che possiamo smentire subito, è quella riguardante le ricompense, infatti si è soliti credere che più siano di livello alto, più le persone siano portate a mentire, ma ciò non è assolutamente vero.

 

prova a m

Un venditore ad esempio, non mira sempre alla ricompensa economica, ma anche all’ammirazione dei colleghi o anche dei concorrenti, o anche spuntarla su quello specifico cliente da tutti reputato un osso duro.

… estratto dal libro: Prova a Mentirmi di Pandiscia Fabio e Meridda A. – Edizioni Franco Angeli.

 

 Il Video

Qui sotto lascio un video che ho girato di recente per una trasmissione sul canale sky 852 che parla tra le tante cose, anche della menzogna e del comportamento del bugiardo, buona visione:

Continua a seguirci sul nostro canale telegram

TelegramBadge

 

Follow me

Fabio Pandiscia

Dott. in Psicologia,Autore di vari libri sul linguaggio del corpo e PNL, Master Trainer PNL, Codificatore FACS, METT Advanced, Mix2, affiliato Humintell in Italia.
Fondatore di Formae Mentis Group
Follow me

Latest posts by Fabio Pandiscia (see all)

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Commenti dai social

commenti

3 comments

  1. Federico Cocciolo ha detto:

    La bugia non ha sesso. Non facciamone un discorso sessista come al solito.
    Ciao.

  2. Imogene E. Suarez ha detto:

    Una volta trovato qualcosa che risponde allo scopo, subentrano la preferenza e il pregiudizio. Questo stato mentale porta la gente a fissarsi. Nel tentativo di proteggere o trattenere quello che ha, è pronta a mentire, maltrattare e insolentire il prossimo, perfino a prendere le armi per difendere ciò che considera di sua proprietà. il desiderio procura anche sofferenza mentale. Sull’onda di sensazioni nate dal contatto con ciò che è piacevole (forme, odori, suoni, sapori, sensazioni tattili e idee), la gente pensa e razionalizza, teorizza, filosofeggia, specula e concettualizza. Arriva a formarsi opinioni sbagliate e credenze infondate. Riesumando dal passato sensazioni piacevoli, produce una nuova serie di pensieri bramosi, credenze e teorie.

    • barbara sperti ha detto:

      soprattutto ci sono uomini bugiardi che usano filosofie per tenere donne legate a se, ma nn vogliono responsabilità ma continuano con la loro innata natura di amore immaturo….

Commenti dai social

commenti

Rispondi

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

call formaementis